cerca
Ricerca avanzata
Login
Nickname

Password



Hai perso la tua password?

Non hai un tuo account?
Registrati!
Menu
Who's Online
#40: ospiti
#0: utenti
#su 5452 iscritti

Sei un utente anonimo.
Registrati ora!
Espandi/Comprimi
 
Espandi/Comprimi
/  Indice forum » Vita da Club » Fessbuc

     ≡  "Consulto" legale : esterno vestizione e lavoro stagionale


  
 Stampa discussione 
BanditModeratore
BanditModeratore

G-Spot
Messaggi: 6448
Iscritto dal: 1/6/2006
Da: Principato del Comelico (BL)
Su: Unna
# 1 ≡ "Consulto" legale : esterno vestizione e lavoro stagionale
»14.12.18 - 13:46
buon di' bandit.
nella mia assenza m itrovo a ripropomi per approfittare delle vostre idee ed opinioni riguarda ad uan questione che mi interessa diciamo a livello famigliare.

Con il nuovo decreto sicurezza vara dal governo ci sono state selel variazioni riguardo alle regole per la circolazione dei residenti italiani con veicoli a targa straniera.
Il decreto funziona abbastazna bene, in teoria, se nonche ha lasciato dei "buchi" che venno a colpire anche la sfera dei lavoratori stagionali.

rubando dal sito autoblog.it (LinkaggiO) la legge, a spanne, recita :
Citazione:

... Ŕ vietato, a chi ha stabilito la residenza in Italia da oltre sessanta giorni, circolare con un veicolo immatricolato all'estero" ...


e fin qua, ok, se non fosse che ...
a) la maggiorparte dei gelatieri che lavorano in nord-europa fa le ferie di 3-4 mesi e quindi 90-120 giorni
b) molti hanno la macchina intestata alla ditta (con sede all'estero)
c) per varie ragioni non hanno trasferito la residenza

sommando a+b+c abbiamo la situazione di alcuni personaggi che passano l'inverno dalle mie parti.

si questi giorni e' la notizia che le Forze hanno fatto il primo fermo seguendo la legge e quindi il nervosismo serpeggia fra le valli

ma, sempre dall'articolo presento su autoblog.it viene resa nota una eccezione :
Citazione:

Il comma 1-ter lascia una certa scappatoia, fino ad un certo punto.

Esso specifica che se il veicolo Ŕ in leasing, a noleggio o concesso in comodato ad un residente in Italia da parte di un'impresa europea che non abbia una sede secondaria effettiva in Italia, la circolazione Ŕ ammessa se a bordo c'Ŕ un documento sottoscritto da quell'impresa che attesti data del contratto e durata e della disponibilitÓ del veicolo. Se quel documento manca, la responsabilitÓ va al conducente; il quale deve pagare una multa da 250 a 1.000 euro (nuovo comma 7-ter). Ha poi 30 giorni di tempo per presentare il documento.


ora...

se la ditta per cui lavoro all'estero, pur essendo di mia proprieta', rilascia un documento di "comodato d'uso" (anche a tempo) ad un personaggio che sono io ... posso circolare legalemente ?

uhm ... funziona secondo voi ?
(grazie)
Evil G-Spot, il pessimo ... :-D

Profilo
 Stampa discussione 

   

Utenti_collegati

In questo momento sono presenti 3 utenti.

[ Amministratore: ]

Ricerca

Parole chiave:     

[ Ricerca Avanzata ]

Permesse

Non puoi scrivere.
Non puoi modificare.
Non puoi creare sondaggi.
Non puoi allegare file.
Non puoi rispondere.
Non puoi cancellare.
Non puoi votare.
XML / RSS


Design By boltz & thejasco